| HOME | CHI SIAMO | TARIFFE | PRENOTAZIONI | LINK UTILI | PARTNER | CONTATTACI |

ITINERARI EVENTI TERRITORIO
3d Carousel Gallery by cu3ox.com v1.8
RICERCA

I CLASSICI
ITINERARI

IL TERRITORIO
CASTELLI
Chiese
Comuni
Monasteri
Musei
Poppi

Borgo medievale nato intorno al Castello dei Conti Guidi, che rappresenta uno dei monumenti più integri del medioevo toscano. La struttura duecentesca, costruita su una fortificazione precedente, è attribuita da Vasari al padre di Arnolfo di Cambio e modello per il Palazzo Vecchio a Firenze. Di notevole pregio architettonico sono le soluzioni adottate per lo sviluppo delle scale all'interno del suggestivo cortile. All'interno, tra i vari ambienti, è possibile ammirare lo splendido salone, la cappella affrescata da Taddeo Gaddi e la pregevole Biblioteca Rilliana, arricchita dalla presenza di numerosi manoscritti d'epoca, appartenenti alla collezione della famiglia Guidi, ceduta al Comune nel 1825.

Anche il borgo mantiene intatte molte caratteristiche del tessuto urbano medievale e rinascimentale, caratterizzato dalla presenza di numerosi porticati che offrono scorci prospettici molto suggestivi. L'abitato ha il suo centro vitale in Piazza Amerighi, dove sorge la chiesa a pianta esagonale della Madonna del Morbo (secolo XVII), anch'essa cinta da un porticato. Sempre del XVII secolo è anche la prepositura di S. Marco, mentre al termine dei porticati di via Cavour, si arriva alla chiesa di San Fedele, edificata tra la fine del XII e l'inizio del XIII secolo, presenta caratteri di transizione tra il romanico e il gotico e conserva importanti opere d’arte del Maestro della Maddalena, Jacopo Ligozzi, Francesco Morandini detto il Poppi ed altri.

Nei pressi:

- Il centro di villeggiatura e di sport invernali di Badia Prataglia con la sua celebre Abbazia (X secolo), edificata in puro stile romanico e che conserva una suggestiva cripta. Punto di partenza per escursioni nel Parco delle Foreste Casentinesi

- Camaldoli, sito montano dove sorge l'Eremo fondato da San Romualdo nel 1012, caratterizzato dalla presenza delle sue celle, identiche per forma e dimensioni, all'interno delle quali i monaci si chiudono in un volontario e totale isolamento per pregare (visitabile la cella del fondatore). Interessante anche il complesso monastico con il chiostro di Maldolo (XI-XII secolo), la chiesa dei SS. Donato e Ilariano (pregevoli dipinti di Giorgio Vasari) e l’antica farmacia.

 

Mostra Tutti



HOME



ITINERARI



EVENTI



TERRITORIO



CHI SIAMO



TARIFFE



PRENOTAZIONI



LINK UTILI



CONTATTACI


PARTNERS
© 2018 CENTRO GUIDE AREZZO E PROVINCIA - Corso Italia, 156 - 52100 - AREZZO (AR) - ITALY
Telefono / Fax +39 0575 403319 - Mobile +39 334 3340608 - info@centroguidearezzo.it
P.IVA e C.F. 01908890518 - Privacy Policy
Design by NeoEidos . Power Cubicus