| HOME | CHI SIAMO | TARIFFE | PRENOTAZIONI | LINK UTILI | PARTNER | CONTATTACI |

ITINERARI EVENTI TERRITORIO
3d Carousel Gallery by cu3ox.com v1.8
RICERCA

I CLASSICI
ITINERARI

IL TERRITORIO
CASTELLI
Chiese
Comuni
Monasteri
Musei
Lucignano

Piccolo centro adagiato su una collina da cui domina una parte della Valdichiana aretina e senese, Lucignano deve le sue origini a un insediamento militare romano. Un contingente, infatti, agli ordini del console Lucio Licinio Lucullo, fondò un castrum, che prese il nome di Lucinianum in onore del console. Collocato in un punto strategico tra Arezzo, Siena e Perugia, Lucignano, dopo una parentesi come libero comune, è stato oggetto di aspre contese tra queste città, che a turno la assoggettarono. Della dominazione perugina rimane un'evidenza tangibile anche nello stemma comunale, rappresentato da un grifo alato. Dopo alterne vicende, tuttavia, nel 1554 Lucignano passò definitivamente sotto il dominio di Firenze.

Il centro consiste in un raro esempio perfettamente conservato di pianta ellissoidale con strade concentriche, racchiuso da possenti mura che permettono l'accesso al paese tramite due porte: Porta San Giovanni e Porta San Giusto, entrambe realizzate nel 1371. Allo stesso anno risale un'altra porta, successivamente chiusa, che prese il nome di Porta Murata e che recentemente è stata riaperta ai visitatori.

Come tutti i centri dominati da Firenze, anche Lucignano fu dotata di una Fortezza Medicea, mentre la Rocca Senese risale al XIV secolo, durante il periodo di dominazione senese.

Nel fitto e suggestivo abitato si distinguono via Roma (detta anche "via povera"), sulla quale si affacciano numerose piccole e caratteristiche abitazioni di origine medievale e via Matteotti (la "via ricca"), dove risiedevano le famiglie più potenti e facoltose, come testimoniano i numerosi palazzetti signorili. Gli edifici ecclesiastici più importanti sono la Collegiata di San Michele Arcangelo risalente al XVI secolo e la gotica chiesa di San Francesco. Di particolare interesse, all'interno del Palazzo Comunale (XIII secolo), il piccolo Museo Civico dove è conservato l'Albero d'oro, un reliquiario che custodisce alcune schegge della croce di Cristo, stupendo esempio di oreficeria aretina tardogotica.

Suggestiva, inoltre, la festa della Maggiolata, nelle ultime due domeniche di maggio, con balli in costume e sfilate di carri allegorici decorati con migliaia di fiori.

Mostra Tutti



HOME



ITINERARI



EVENTI



TERRITORIO



CHI SIAMO



TARIFFE



PRENOTAZIONI



LINK UTILI



CONTATTACI


PARTNERS
© 2018 CENTRO GUIDE AREZZO E PROVINCIA - Corso Italia, 156 - 52100 - AREZZO (AR) - ITALY
Telefono / Fax +39 0575 403319 - Mobile +39 334 3340608 - info@centroguidearezzo.it
P.IVA e C.F. 01908890518 - Privacy Policy
Design by NeoEidos . Power Cubicus